AYASHI NO CERES

AYASHI NO CERES

Aya Mikage ha un fratello gemello di nome Aki e sono entrambi due studenti di 15 anni. La vigilia del loro sedicesimo compleanno Aya viene salvata in strada da un misterioso e affascinante ragazzo, che però scompare subito nel nulla. Arriva il giorno del loro compleanno e i due gemelli vengono portati dai genitori a casa del nonno, il capofamiglia dei Mikage dove ad aspettarli ci sono tutti i parenti. I ragazzi trovano un'atmosfera cupa e strana, come se dovesse accadere qualcosa di brutto. Il nonno fa portare una scatola ad Aya e lei nota subito che il ragazzo che gliela consegna è lo stesso che l'ha salvata il giorno prima. Il suo nome è Tooya. Quando Aya la apre, trova una mano mummificata, che le fa sprigionare una strana forza. Il fratello Aki si ritrova pieno di ferite, e i parenti iniziano ad agitarsi dichiarando Aya un pericolo per tutta la famiglia Mikage. A salvarla interviene Yuuhi Aogiri, incaricato da Suzami di portarla in salvo a casa sua. Lì Suzumi racconta ad Aya la leggenda in cui essa si è reincarnata: un giorno un pescatore antenato della famiglia Mikage sottrasse a una Tennyo di nome Ceres l'hagoromo, ovvero la veste che le permetteva di volare e passare dal cielo alla terra. Non potendo più tornare in cielo Ceres fu costretta a rimanere sulla terra e a sposare l'uomo, avendo da lui un figlio. Aya non riesce a credere a questa storia, ed è preoccupata per suo fratello Aki, che però ha ereditato il ruolo del pescatore della leggenda, gran nemico di Ceres, di cui la dea celeste vuole vendicarsi per essere stata sua "prigioniera" per tutto quel tempo, mentre lui si reincarnerà in Aki, disposto a tutto pur di riavere la sua dea celeste.